Home  Foto  Forums  Eventi  Video  Links 
Registrati
Username:
Password:
Ricorda Password Password Dimenticata?
Tradizioni
Novena
Inno a San Rocco
canto popolare
Poesie

Novena di San Rocco


    Glorioso S. Rocco che, nato da sterili genitori per intercessione
della Vergine e da Lei prevenuto con larghe benedizioni, professaste
la devozione più sincera verso questa madre, ponendo ogni attenzione
nell’imitare le sue virtù, impetrateci di professarle una devozione vera
e costante per assicurarci sempre il suo potentissimo patrocinio.

GLORIA...
Vengo mio Rocco amabile
di quest’altare al piede
ravvivami la fede
mio Santo Protettor!

    Glorioso S. Rocco, che, rimasto orfano dei genitori nella vostra
giovinezza, lungi dall’attaccarvi alle ricchezze da voi ereditate, ne
dispensaste gran parte in elemosine e lasciaste il resto per vivere
da povero e pellegrino in terra straniera, impetrateci di avere sempre
il cuore distaccato dalle cose caduche di questa terra e di conformare
la nostra vita agli esempi di Gesù Cristo.

GLORIA...

    Glorioso S. Rocco, che per la vostra generositànel consacrarvi
agli appestati e per le vostre preghiere vedeste cessare la peste e
guarirne tutti i colpiti in città d’Italia e Francia da voi percorse,
otteneteci per la vostra intercessione di essere preservati da un
flagello così spaventoso.

GLORIA...

    Glorioso S. Rocco, che,colpito dal morbo della peste nell’atto
di servire gli altri e posto alla prova dei dolori più spasmodici,
chiedeste ed otteneste di essere posto lungo la strada e scacciato
fuori dalla città vi ricoveraste in una povera capanna, dove un angelo
risanò le vostre piaghe e un cane pietoso ogni giorno vi portava un
pane tolto alla mensa del suo padrone Gottardo, otteneteci di soffrire
con rassegnazione le malattie, le sofferenze e qualsiasi tribolazione
di questa vita, chiedendo sempre a Dio il necessario soccorso.

GLORIA...

    Glorioso S. Rocco, che, per conformarvi sempre più agli esempi
del nostro Redentore crocifisso, soffriste senza giustificarvi le
calunnie e la prigionia, ma foste anche glorificato da una luce
celestiale, che illuminò il vostro carcere, e confortato dalla voce che
dal cielo rivelò la vostra santità dagli onori singolari, resi dopo morte
al vostro corpo, otteneteci che, vivendo sempre nascosti agli occhi
degli uomini, aumentiamo nei meriti davanti a Dio finché a lui piaccia
trarci dall’esilio alla patria celeste insieme ai suoi santi ed eletti.

GLORIA...



Imposta come pagina iniziale Aggiungi ai preferiti Privacy Web statistics   Segnala errori © 2005 Mike Cardinale All Rights Reserved. MaxWebPortal Snitz Forums Torna ad inizio pagina